Cerca nel blog

Segnalazioni "I Medici" di M.Vannucci, "Le donne di casa Medici" di M.Vannucci, "I Medici" di M. Strukul

Molti di quelli che mi conoscono sanno bene che, oltre alla lettura, io sia un'amante dell'arte e della storia di cui il periodo che preferisco è proprio il Rinascimento italiano.
Questo è il motivo per il quale, dopo aver concluso la visione della prima puntata della fiction RAI su "I Medici", non ho potuto fare a meno di scrivere qualche riga.
Al contrario di molte critiche che hanno animato la discussione nel nostro gruppo lettori, ho trovato la fiction davvero interessante e mi ha affascinato la figura di Cosimo de Medici più di quanto la ricordassi.
Sebbene non abbia gli strumenti per giudicare il doppiaggio, la sceneggiatura, la regia, ho voluto riportare il pezzo che ha catturato maggiormente la mia attenzione e, sarà perchè amo l'artista, sarà perchè sono un ingegnere, non potevo non emozionarmi alle parole di Brunelleschi che descrive le fasi di costruzione della grande e maestosa cupola che ancora oggi domina il panorama fiorentino.


"Io sono un genio, in anticipo sui tempi!"
"Come proponete di completare la cupola, mastro Brunelleschi?"
"La risposta è molto semplice! Non richiede nessun pilone, nè pietre spugnose o montagne  di terra e monete. L'artista scorge ciò che la natura cela."
[Filippo Brunelleschi, interpretazione di Alessandro Preziosi ne "I medici", fiction di Rai 1]

Ecco la frase più bella dell'intera puntata, il fulcro del rinascimento: la rinascita dell'uomo e delle arti, il genio, le invenzioni, la visione orizzontale del mondo e della vita. Brunelleschi è il simbolo della Firenze che fiorisce e, mentre i Medici si avviano verso un lento declino, egli innalza la cupola che non ha eguali nel campo delle strutture fino ad allora conosciute, una cupola autoportante ispirata al Panteon di Roma.
Lo scenario in cui si inserisce la cupola è la capitale dei commerci, degli affari, della cultura e delle arti. Una Firenze orgogliosa di mostrare al mondo palazzi signorili, cattedrali inimitabili, monumenti e capolavori d’arte. La storia di questo miracolo è legata a quella di un uomo, Cosimo de’ Medici, nato a Firenze nel 1389. Cosimo è un principe moderno, esperto di politica, coraggioso mecenate alla cui corte siedono Filippo Brunelleschi, Donatello e Masaccio uomini per cui essere orgogliosi di essere italiani!



Di seguito riporto i link dove è possibile rivedere le puntate della fiction:
Episodio 1
Episodio 2



E, adesso, parliamo delle numerose uscite editoriali sotto il segno della famiglia Medici. Tre titoli firmati Newton Compton, tre grandi autori per entrare in una delle corti più importanti del quattrocento italiano ed incontrare grandi principi e mecenati che hanno reso l'Italia migliore e più bella.

La fama dei Medici valicò ampiamente i confini delle mura fiorentine e della Toscana: da semplici, sebbene capacissimi mercanti, gli appartenenti alla storica casata divennero regnanti, trasformando il solido potere economico in straordinario e influente potere politico. In queste pagine sfilano, puntualmente evocati dall’autore, tutti i maggiori protagonisti della famiglia, ma anche quei comprimari che, sebbene destinati a leggere dal copione battute di minore effetto, meritano pur sempre di comparire sul palcoscenico di questa lunga rappresentazione. Al gusto dello storico, che va a riscoprire notizie e personaggi del passato con grande rigore e scrupolosa attenzione alla realtà, si unisce la brillante esposizione del narratore che coinvolge il lettore in un racconto appassionante, in cui luci inattese si accendono di continuo su dettagli, volti e avvenimenti del tempo. L’avventura comincia con Giovanni di Bicci e prosegue con una straordinaria galleria di personaggi: Cosimo, il Magnifico Lorenzo, lo sfortunato figlio Piero, il capitano di ventura Giovanni delle Bande Nere e più tardi il figlio Cosimo, Lorenzino alias Lorenzaccio, Alessandro duca di Firenze, Caterina regina di Francia, Francesco I, Maria, seconda regina della famiglia, Ferdinando I e il figlio Cosimo II, Ferdinando II. Si arriverà infine al lungo regno di Cosimo III e all’ultimo cinquantennio del potere mediceo, con Gian Gastone, l’ultimo granduca della casata, e Anna Maria Luisa de’ Medici, l’Elettrice Palatina, grazie alla cui indomabile volontà il mondo intero divenne erede di un immenso patrimonio di opere d’arte e splendide residenze.









Da Contessina de’ Bardi ad Anna Maria Luisa, Elettrice Palatina, tutte le protagoniste della storia della grande famiglia italiana

Un affresco dei personaggi femminili della grande casata fiorentina. Donne legate alla famiglia da vincoli diretti di nascita o da quelle unioni matrimoniali che le hanno rese protagoniste di tre secoli di storia toscana. Da Contessina de’ Bardi e Piccarda de’ Bueri, che rappresentano il momento più “familiare” dell’intera vicenda, si passa a una figura fondamentale come Lucrezia Tornabuoni, madre di Lorenzo il Magnifico. E se la figura di Clarice, moglie di Lorenzo, e quella di Alfonsina Orsini non furono eccezionalmente rilevanti, particolare risalto ebbe Eleonora da Toledo, moglie del primo dei Medici. Ma anche Giovanna d’Austria, moglie di Francesco I, e Caterina de’ Medici, regina di Francia, seguita sul trono da Maria. Più tardi arriveranno le follie di Marguerite-Louise, moglie di Cosimo III, l’irrequieta francese che mette in subbuglio la corte di Palazzo Pitti, e infine la grande figura di Anna Maria Luisa de’ Medici, Elettrice Palatina. Un ritratto al femminile della grande dinastia.









Firenze, 1429. Alla morte del patriarca Giovanni de’ Medici, i figli Cosimo e Lorenzo si trovano a capo di un autentico impero finanziario, ma, al tempo stesso, accerchiati da nemici giurati come Rinaldo degli Albizzi e Palla Strozzi, esponenti delle più potenti famiglie fiorentine. In modo intelligente e spregiudicato i due fratelli conquistano il potere politico, bilanciando uno spietato senso degli affari con l’amore per l’arte e la cultura. Mentre i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore procedono sotto la direzione di Filippo Brunelleschi, gli avversari di sempre continuano a tessere le loro trame. Fra loro c’è anche una donna d’infinita bellezza, ma dal fascino maledetto, capace di ghermire il cuore di un uomo. Nell’arco di quattro anni, dopo essere sfuggito a una serie di cospirazioni, alla peste e alla guerra contro Lucca, Cosimo finirà in prigione, rischiando la condanna a morte. Fra omicidi, tradimenti e giochi di palazzo, questo romanzo narra la saga della famiglia più potente del Rinascimento, l’inizio della sua ascesa alla Signoria fiorentina, in una ridda di intrighi e colpi di scena che vedono come protagonisti capitani di ventura senza scrupoli, fatali avvelenatrici, mercenari svizzeri sanguinari. Un grande affresco storico, in grado di restituirci con appassionante verità la grandezza del genio di Brunelleschi e di Leonardo da Vinci, i fasti delle corti italiane del Quattrocento, le oscure e violente trame dei cospiratori e i rischi che corre chi ambisce ad accrescere uno smisurato potere.

Segnalazione "Un secondo, primo Natale" di Silvia Devitofrancesco

Manca poco al Natale e noi iniziamo a suggerire dei titoli! Il primo romanzo  che vi consigliamo è scritto da Silvia Devitofrancesco e si intitola Un secondo, primo Natale!! Cosa aspettate a tuffarvi nell'atmosfera natalizia? *-*



Scheda libro

Titolo: Un secondo, primo Natale
Autore: Silvia Devitofrancesco
Editore: Self Publishing
Genere: Commedia romantica
Pagine: 168
Prezzo: 1,99 euro ebook/gratis con Kindle Unlimited/10,39 euro cartaceo
Data di uscita: 3 novembre

Pagina facebook: https://www.facebook.com/unsecondoprimonatale/












Da quando il suo fidanzato Bruce l’ha tradita con la sua migliore amica Shelly proprio la sera del 24 dicembre, Apple Horn odia il Natale con tutta se stessa. E se un aitante uomo con un ridicolo cappello da elfo sulla testa bussasse alla sua porta? Steve, fondatore del servizio gratuito “Secondo, primo Natale” ha una missione da compiere: trasformare la gelida fanciulla in una Christmas Lover Doc, step by step. Tra iniziali perplessità, abeti da addobbare, batticuore e paure da vincere riuscirà la diffidente Apple a fidarsi dell’intrigante Steve? E il loro sarà destinato a restare solo un rapporto puramente formale?
Biografia: Silvia Devitofrancesco, classe 1990, è nata a Bari, dove vive tuttora. Ha conseguito la maturità classica e successivamente la Laurea triennale in Lettere (Curriculum "Editoria e giornalismo"). È autrice del romanzo "Lo specchio del tempo", vincitore del premio letterario “Autore possibile 2016” e dell’opera umoristica “Ultimo accesso alle…”.

Recensione "La cortigiana" di Sarah Dunant

Titolo: La cortigiana
Autore: Dunant Sarah
Prezzo: € 6,90
Dati: 375 pagine
Traduttore: Giannini F.
Editore: Net  

Sinossi.
È il nano Bucino a raccontare le vicissitudini della sua padrona e protetta, la fulgida cortigiana Fiammetta Bianchini. Sfuggiti al sacco di Roma del 1527 con una manciata di gioielli nello stomaco, i due trovano rifugio a Venezia, città cosmopolita ricca di contrasti e meta di mercanti, viaggiatori e avventurieri. La Draga, una guaritrice cieca dai misteriosi poteri, cura Fiammetta dalle orribili ferite riportate nella fuga e lei, ritrovato il suo splendore, inaugura assieme a Bucino un bordello dove offre le proprie grazie a facoltosi nobili cittadini. Ma l'amore di Fiammetta per un aristocratico diciassettenne farà vacillare il bizzarro sodalizio con Bucino, mettendo a rischio la fortuna faticosamente ricostituita. Alle avventure dei due protagonisti fanno da sfondo gli eventi storici della città di Venezia, e i loro intrighi si intersecano con le vicende di personaggi come Pietro Aretino e Tiziano.








La recensione


Impossibile è non cedere al fascino di Fiammetta Bianchini, difficile è
non trovare simpatico il suo servitore Bucino, improbabile è  non essere incuriositi dalla figura della Draga, certo è innamorarsi di Venezia.
Sarah Dunant ci porta nella Venezia cinquecentesca, inserendo i personaggi in uno spaccato di società di mezzo, tra i nobili e ricchi e i poveri del basso ceto. Fiammetta Bianchini è la cortigiana, giunta a Venezia dopo essere scappata durante il sacco di Roma nella quale il suo aspetto è stato brutalmente deturpato da due lutetane. Grazie alle cure di Elena, detta la draga, Fiammetta e il suo astuto servitore preparano il ritorno nella società dei benestanti borghesi e dei nobili.
La cortigiana e Bucino sono di nuovo in affari ma presto accade qualcosa che mette in pericolo il mestiere di Fiammetta e crea tensione tra lei e il suo socio. Cosa accade quando una cortigiana si innamora?
Nella città in cui oriente e occidente si mescolano, nella Serenissima che domina incontrastata sui mari, il lettore si ritrova accanto a personaggi storici come Tiziano e Aretino, accanto a cui si colloca una figura di secondo rilievo ma realmente esistita: la draga. Documenti storici del tempo parlano di una strega condannata a morte a causa della sua magia oscura. Ma nel secolo in cui scienza e fede hanno un confine labile è difficile discernere la sperimentazione dalla magia! Colei che è abile nel preparare unguenti salvifici, che conosce bene l'anatomia e i bisogni del corpo umano è altrettanto abile nel simulare e dissimulare la cecità grazie ai segreti dell'isola di Murano. E se si, a che scopo? 
Un romanzo che parte piano ed esplora la vita dei personaggi inseriti  nel contesto storico, non aspettatevi grandi corti e intrighi da palazzo perché il romanzo si svolge per strada e sarà narrato dal punto di vista di Bucino che, per certi versi può essere considerato il vero protagonista insieme alla Draga.
Personalmente, è il secondo romanzo della Dunant che leggo e, purtroppo, l’ho apprezzato meno della nascita di Venere. Attualmente sto leggendo un suo terzo romanzo sui Borgia e vi anticipo che qui c'è un ottima ricostruzione storica dettagliata in intrighi politici, di corte e battaglie.
A presto.. buone letture!!

Segnalazione "Autumn in love" di Flora A. Gallert

A quanti di voi piace l'autunno? E se ci abbinassimo una lettura romantica? Ecco che questo libro è quello perfetto!!☺

Titolo: Autumn in love
Autrice: Flora A. Gallert
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo:  0,99€/gratis con Kindle Unlimited
Dove trovarlo: Amazon(link diretto alla fine della pagina)

Sinossi:
Lui è il cattivo ragazzo, quello che sta per prendere la strada sbagliata. Lei la ragazza bella, buona e sempre gentile.
Ad avvicinarli, è una vita difficile di periferia.
Ad allontanarli, è la decisione ferma di lei: nella vita, avrebbe scelto un uomo totalmente diverso da suo padre, causa di tutte le sue sofferenze. Ma l'amore ci prende e ci sorprende, a volte ci rende forti, altre deboli.
E come due calamite, i due si ritrovano a un millimetro dall'altro, senza riuscire a controllare le proprie emozioni.
Lei riuscirà ad allontanarsi da lui una volta per tutte? Lui cederà all'amore o alle insidie della periferia? Ma, soprattutto, la periferia concederà a lui una seconda possibilità?
Link d’acquisto:  HYPERLINK "https://www.amazon.it/Autumn-Love-Flora-Gallert-ebook/dp/B01M8IS2LY/ref=sr_1_6?ie=UTF8&qid=1476525604&sr=8-6&keywords=flora+gallert" https://www.amazon.it/Autumn-Love-Flora-Gallert-ebook/dp/B01M8IS2LY/ref=sr_1_6?ie=UTF8&qid=1476525604&sr=8-6&keywords=flora+gallert