Cerca nel blog

L'Ottocento

L'Ottocento è un secolo ricco di avvenimenti che influiscono in Europa sul modo di vivere e di concepire l'arte e la letteratura.






Il secolo si apre con l'elezione nel 1804 di Napoleone a Imperatore.
Le vittorie di Napoleone, avevano contribuito a determinare la diffusione in Europa di quegli ideali di libertà uguaglianza e fraternità, propri della rivoluzione francese ma, dopo la sconfitta definitiva a Waterloo, 1815 il Congresso di Vienna, ripristinerà e porterà al crollo delle certezze che il periodo precedente aveva sviluppato.







Oltre che delle trasformazioni sociali e politiche, l'Ottocento è anche il secolo delle grandi scoperte scientifiche:
 - 1839 : Daguerre realizza la prima macchina fotografica;
-  1859 ::Darwin pubblica “L'origine della specie”.
-   L'industrializzazione si sviluppa in Europa a partire dall'Inghilterra provocando una crisi dell'artigianato.




Dal punto di vista sociale, la borghesia si afferma con 
maggiore forza e si pone alla testa di movimenti di opposizione
 liberale e repubblicana. Nascono le società segrete
 con l'intento di rovesciare le monarchie assolute 
a favore di monarchie costituzionali, 
o anche ordinamenti di tipo repubblicano.

  • In arte si affermeranno le tematiche del Romanticismo di origine tedesca, che determineranno una evoluzione verso nuove forme espressive. In contrapposizione al Neoclassicismo, che si riferiva al mondo classico come modello da imitare e ricercava oltre al bello ideale anche valori assoluti e universali, le tematiche del Romanticismo si rivolgeranno al recupero della storia delle singole nazioni e delle singole culture. Il Romanticismo si differenzierà a seconda delle aree. Esisterà un romanticismo inglese, uno italiano, uno francese e uno tedesco. Ogni fenomeno con proprie caratteristiche, seppure improntate ad una unica matrice comune. 

Il maggiore rappresentante del romanticismo tedesco è Frieedrich, che seppe infondere alle sue opere un senso della natura, ora descritta in atmosfere malinconiche tinte da toni sottilmente crepuscolari e rievocanti il tema della morte.
L'arte dei primi dell'Ottocento si trova a dovere assumere delle posizioni che, se da una parte la costringono a differenziarsi dalle precedenti forme di espressione, dall'altra la spingono in alcuni casi, a basare le proprie ricerche proprio sulla scienza, quella scienza che era alla base del pensiero illuministico.
Mentre il Neoclassicismo si riferiva ad un passato ideale, David nei suoi quadri proponeva un ideale di eroismo statico perché idealizzato, nei Romantici il sublime eroico sembra emergere a volte dalla vita stessa e pertanto predilige il movimento. Nel 1818 Gèricault realizza il celebre dipinto intitolato “La zattera della Medusa”. Ispirato ad un fatto di cronaca accaduto nel 1816, dipinge il dramma di un gruppo di uomini in seguito al naufragio della fregata francese, chiamata appunto “medusa”. Il fatto, che colpì molto l'opinione pubblica, avvenne al largo delle coste africane. Solo pochi si salvarono. A parte le polemiche che sorsero quando il dipinto venne esposto al Salon del 1819, l'opera possiede vari elementi di interesse che interessano la sua composizione. Si tratta di una straordinaria fusione di elementi, neoclassici e romantici, che rivelano la fase di passaggio tra le due correnti artistiche.
Altra opera straordinaria per i contenuti innovatori di cui è portatrice è il dipinto di Delacroix che, nel 1830 realizza “La libertà che guida il popolo” riferendosi ai moti del 1830 e realizzando, così, il primo vero quadro ad ispirazione politica in senso moderno.

In Italia il Romanticismo vede in pittura l'affermarsi di un artista veneto, Francesco Hayez. Egli desume i suoi temi dalla storia italiana. Viene apprezzato dai suoi contemporanei proprio per il suo realizzare opere che ben si prestavano ad esaltare i valori risorgimentali.

Il romanticismo inglese invece si rifletterà nella pittura dei paesaggisti inglesi dei primi del secolo.
Come non menzionare Turner che conferisce alle sue opere una interpretazione densa di lirismo. Nelle opere di Turner le forme perdono consistenza per dissolversi, attraverso graduali passaggi, in limpidi toni atmosferici e luministici. L'uomo si pone come parte integrante della natura.


Dal punto di vista letterario nasce il romanzo storico, pullulano penne brillannti in tutta l'Europa.
Vi lascio solo alcuni nomi, sono i personaggi che incontreremo nel nostro "Viaggio nell'Ottocento".....


Keats,  Hugo,  Verga, Baudlaire, Pellico, Leopardi, Dumas padre, Manzoni,
D'annunzio,  Puskin, Le sorelle Brontë , Wilkie Collins , Dickens , Emily Dickinson, Dostoevskij  e molti altri ancora....



https://www.facebook.com/groups/emozionitralerigheilgruppo/